Febbraio 26, 2020 Filippo Angeloni

Portafoglio Golden Butterfly – ecco come replicarlo con ETF

Il portafoglio finanziario golden butterfly è un ottimo portafoglio Lazy, riesce ad essere un mix di altri portafogli lazy e riesce senza problemi ad offrire una strategia di investimento stabile ed efficiente per chiunque ricerchi crescita del capitale (non rendite) e stabilità finanziaria (il peggior suo anno dal 1972 ha registrato un drawdown del 11.2%, contro un crollo dell’azionario americano del 37,1%).

E’ uno dei 4 migliori portafogli anti recessione.

i portafogli permanent e golden butterfly nascono dal lavoro di Harry Brown. Lo stesso ha argomentato più e più volte nel corso del tempo come si costruisce un portafoglio resistente alle 4 condizioni economiche:

  • crescita
  • recessione
  • inflazione
  • deflazione

Questo portafoglio quindi inserisce:

  • azioni per la crescita
  • obbligazionario governativo a breve periodo per le recessioni
  • oro per l’inflazione
  • e obbligazionario governativo lungo termine per la deflazione

L’idea di questo portafoglio è quindi di investire in asset class decorrelati tra loro per coprire ogni possibile stagione economica. In questo modo i rischi di drawdown saranno in qualche modo limitati.

Golden Butterfly

Asset Allocation

  • 20% Large Cap Blend (azionario a grande capitalizzazione mix tra value e growth)
  • 20% Small Cap Value (azionario a bassa capitalizzazione, value)
  • 20% Long Term Treasuries (obbligazioni a lungo termine)
  • 20% Short Term Treasuries (obbligazioni a breve termine)
  • 20% Gold

Questo portafoglio è in sostanza un permanent portfolio modificato con l’aggiunta di alcune asset class. Prende spunto delle small cap dal larry portfolio.

E’ molto bilanciato, andando ad assegnare le stesse percentuali (20%) ad ogni asset.

ha un 40% di azionario tra cui 20% di questo small cap, 40% obbligazionario e 20% gold. Con più azionario però riesce a fornire un pochino di brio in più rispetto ad esempio al leggendario all season di Ray Dalio. (non tanto di più in realtà)

total-stock-market-heat-map-2016
golden-butterfly-heat-map-2016

Quando si parla di portafogli Lazy, si pensa sempre che andando ad assicurarsi con recessioni e cali di mercato si debba sempre e per forza andare a detrarre qualcosina dal rendimento massimo che offre il mercato.

Nel senso siamo spesso portati a credere che il rendimento di lungo periodo dell’azionario sia sempre maggiore rispetto ai portafogli lazy.

In questo caso non è del tutto vero anche perché se compariamo le immagini precedenti notiamo che l’azionario americano (totale) dal 1972 ha realizzato un 5.9% all’anno contro un 5,5% del golden butterfly. Tutto ciò a fronte di una volatilità molto minore (circa un 60% in meno), un drawdown molto minore ed anche un arco temporale di drawndown molto minore.

Azionario puro sicuramente qualcosina in più può darla nel lungo periodo però chiaramente a fronte di una volatilità molto diversa e non mi pare il caso di andare all-in attualmente sull’azionario.

Golden Butterfly SD vs CAGR

Ecco come replicare questo portafoglio

Per replicare questo portafoglio bastano 4 ETF.

Cerco qui di offrire una versione globale.

Non è la versione originale americana! e non prevede nemmeno una diversificazione per valute.

Sono consapevole che ad alcuni potrà non piacere.

Scarica il file

Golden Butterfly - Versione Angeloniana

Il tuo nome
Email

Accetti di ricevere email da filippo angeloni

Ricordo che questa è solo una base e va personalizzata in base alle esigenze dell’investitore.

La versione americana è invece questa:

PesoTickerETF Asset
20.00 %IJSiShares S&P Small-Cap 600 ValueEquity, U.S., Small Cap, Value
20.00 %VTIVanguard Total Stock MarketEquity, U.S., Large Cap
20.00 %TLTiShares 20+ Year Treasury BondBond, U.S., Long-Term
20.00 %SHYiShares 1-3 Year Treasury BondBond, U.S., Short Term
20.00 %GLDSPDR Gold TrustCommodity, Gold

Per chi volesse replicarlo in questa formula ecco gli isin dei vari prodotti.

  • 20% azionario americano large cap blend IE00BJ0KDR00 Xtrackers MSCI USA UCITS ETF 1C (EUR) | XD9U
  • 20% small cap usa – iShares MSCI USA Small Cap UCITS ETF (Acc) ISIN IE00B3VWM098, Ticker CSUSS
  • 20% gold – Invesco Physical Gold AISIN IE00B579F325, Ticker SGLD
  • 20% obbligazionario breve termine iShares VII PLC – iShares $ Treasury Bd 1-3y ETF USD Acc B (EUR) | CSBGU3 IE00B3VWN179
  • 20% obbligazionario lungo termine iShares $ Treasury Bond 20+yr UCITS ETF USD (Acc) | DTLA  IE00BFM6TC58
Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Comments (2)

  1. Avatar
    Giorgio

    Le tue spiegazioni sono molto chiare e comprensibile anche per un inesperto come me. Sinceramente ho un po’ di paura ad investire oggi in etf obbligazionari governativi perché nell ultimo anno sono cresciuti tantissimo. Non c’è rischio che possano calare in particolare con la riduzione degli acquisti delle banche centrali? Essendo inoltre i loro rendimenti molto bassi mi sono sbilanciato verso corporate e aggregate. Saluti Giorgio

    • Filippo Angeloni
      Filippo Angeloni

      Grazie Giorgio, sulle obbligazioni soprattutto quelle di lungo periodo presterei attenzione personalmente. Occhio anche ai corporate se non di qualità.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: