Giugno 23, 2020 Filippo Angeloni

Rispondo ad alcune perplessità su Bitcoin

Sono stato ospite nel canale di Gianluca Ranieri Bandini, dove ho risposto ad alcune critiche che i suoi followers hanno riservato a Bitcoin.

Il video uscirà a breve nel suo canale Youtube.

Ecco le domande e le risposte…

Sull’oro e argento ci posso sta…ma sui Bitcoin credo sia il più grande bluff di tutti i tempi…ma forse sono all’antica io 

E’ normale avere queste perplessita, guarda anche io inizialmente mi trovavo in questa situazione, pensavo fosse un bluff, una truffa, utilizzato solo dai terroristi e cosi via.

Spesso abbiamo questo genere di pregiudizi o perplessità quando non conosciamo bene qualcosa, non è vero?

Inizialmente io non gli avrei dato un centesimo di fiducia. e all’inizio l’idea di creare una valuta decentralizzata come opzione alternativa alle valute fiat centralizzate era ridicola, ma ora il mercato si è sviluppato ed è tutto più credibile… Se inizi a studiarlo le cose invece cambiano.

Quello che posso consigliarti è uno studio approfondito su bitcoin.

Sembra una risposta evasiva ma credimi non è facile rispondere in poche righe a questa domanda, dovrei davvero dare tanti tanti contenuti, quello che ti sprono a fare è cercare di studiarlo per capirlo.

Io inizialmente ho cercato di studiarlo per screditarlo, poi mentre lo studiavo mi sono accorto che non è del tutto una cavolata anzi per nulla… e mi sono “convertito”.

Conosco persone che sono state pagate dal governo italiano per provare a buttare giu la blockchain di bitcoin, quando hanno visto che non è possibile hanno smesso e hanno iniziato ad abbracciare bitcoin.

Per me l’unico su cui puntare (e su cui ho già investito) è l’oro. L’argento non cresce mai e il bitcoin lo considero il più grande schema Ponzi della storia. 

Da cosa si riconoscono gli schemi ponzi… negli schemi ponzi ce un soggetto che agisce direttamente con le vittime affermando di avere una strategia segreta o nascosta con il quale può garantire rendimenti stratosferici. Dei rendimenti medio alti costanti a rischio basso o nullo o a breve medio termine. il truffatore si fa dare i soldi e finche lo schema regge passa i rendimenti alla vittima. in bitcoin in realtà non funziona cosi non vi è un promotore non vi sono rendimenti alti e costanti a fronte di basso rischio e non vi è una strategia segreta o nascosta dietro. Il funzionamento del bitcoin è lo stesso dell’oro se accusi bitcoin di schema ponzi anche se non è corretto dovresti accusare dello stesso anche l’oro.

Invece sopra bitcoin come sopra i dollari e le valute fiat possono essere creati schemi ponzi, in bitcoin ad esempio ce stato bitconnect che ti proponeva tramite una strategia segreta 1% al giorno

per me bitcoin = zero come valore, come dire che una scarsità di zeri ha un enorme valore, per me una scarsità di zeri equivale a zero punto. Cosa diversa le implicazioni della blockchain. 

Siamo noi nel complesso a dare valore alle cose, anche l’oro non ha un valore intrinseco ma ha un valore che gli abbiamo assegnato noi, stessa storia per le valute fiat non hanno realmente valore gle lo assegniamo noi, siamo aiutati in questo dato che ci vengono imposte dai vari governi anche con l’esercito e tasse :). Ci sono tanti tipologie di blockchain e non può esistere una blockchain identica a bitcoin quindi una vera blockchain, senza bitcoin, bitcoin serve come incentivo al funzionamento della blockchain con determinate funzioni e regole. Quindi se riconosci valore nella blockchain lo stai paradossalmente riconoscendo a tua insaputa anche a bitcoin. Se invece parli di blockchain private e centralizzate è un altro discorso…

Un bene scarso non è detto che abbia valore, dipende dalla domanda che guarda caso viene pompata.. 

Certo dipende dall’utilizzo e dalla domanda come dici correttamente, non basta solo la scarsità, scarsità che aumenta in bitcoin man mano si arriva ai prossimi halving. E’ vero quello che dici…ti chiedo però che cos’è che non sta venendo pompato dalle banche centrali di tutto il mondo? ormai fed compra pure etf junk bond, hanno creato la madre di ogni bolla dove tutti gli asset sono in bolla. la fed non sta per caso pompando il mercato azionario? non sta per caso pompando immobiliare, oro, e obbligazionario? se sei onesto intellettualmente a queste domande risponderai di si. Poi è chiaro in Bitcoin dobbiamo lavorare nella domanda e nella mass adoption ma non quella pompata dalla banca centrale.

Secondo me c’è troppo hype su bitcoin 

Nel 2017 ti avrei detto di si come sostenevo più volte nei video, sopratutto per le ICO. Attualmente quando scrivo questo articolo non c’è cosi tanto hype, l’hype è invece presente sui mercati azionari, soprattutto quello americano, le luci dei riflettori sono al momento tutte li. Ti ricordo che è difficile fare grandi profitti dove operano tutti, meglio operare quando si spengono i riflettori.

Le economie non possono fallire perché hanno dietro le banche centrali che possono stampare soldi all infinito…mentre in bitcoin dietro non ha la banca centrale e tutto si regge solo su un discorso di fiducia….e la fiducia si sa va e viene. 

In realtà non è del tutto corretto anche le nostre economie si reggono sulla fiducia, fiducia che i governi ripaghino i loro debiti, e fiducia nel fatto che le fiat abbiano valore indirettamente. (per avere valore dobbiamo credere al fatto che i governi ripaghino i loro debiti, e solitamente li ripagano con altri debiti).

in realtà le economie possono fallire ma questo non lo dico io, lo dicono fatti concreti della storia. Quante economie e stati sono falliti anche stati con una propria banca centrale? tantissimi.

Quindi le economie possono fallire ma anche Bitcoin può fallire, anche bitcoin può andare a 0.

non esiste to big too fail, anche le economie possono fallire,

A me piace investire in azioni perché è possibile fare valutazioni più o meno oggettive sul valore intrinseco. Cosa che non posso dire del Bitcoin, quali sono i fondamentali per dire che arriverà a 75k? Non vedo nulla di oggettivo e il fatto che sia un bene scarso non è una spiegazione. Come dice il buon Warren meglio perdere un affare che mettere a rischio il capitale. 

Quello che dici è vero in bitcoin cosi come nell’oro non puoi fare una valutazione del fair value, e secondo la dottrina del value investing non devi toccare queste cose perche non sono investimenti, un investimento deve poter essere valutato. Le stime di bitcoin a 75k sono modelli matematici o ipotesi su un bitcoin utilizzato dai millenials anche solo come asset finanziario. è vero la scarsità non è una spiegazione non basta, serve anche la domanda di questo bene.

se sei un value investor non toccare asset non produttivi, ricordati però che i value investor non dicono di toccare l’oro, ma di comprare le gold mining stock. hai mai visto un grafico a confronto tra le due?

l’oro nel lungo periodo ha sovraperformato ampiamente le gold mining stock.

Ad ogni modo se sei un value investor è meglio che investi in aziende che lavorano nel campo della blockchain, sono usciti anche degli etf settoriali. Magari quelli sono più adatti a te.

Premetto che non riesco a comprenderlo ma non riesco a trovare ragione di possedere bitcoin. Tra l altro per tradarlo si deve operare su piattaforme apposite di cui ho difficoltà a fidarmi. Dall inflazione credo che il modo più semplice ed efficace sul mercato finanziario siano gli strumenti classici regolamentati. Probabilmente è un mio limite quello di preferire strumenti ” vivi ” che generano reddito (utili, interessi). Sono d accordo che tenere monete fiat sia improduttivo e infatti lo scopo di questo strumento è far girare la macchina tramite spesa e investimenti. 

Si certamente per proteggersi dall’inflazione soprattutto nel breve periodo sono meglio altri strumenti come i tips ad esempio, il bitcoin non protegge assolutamente da inflazione nel breve periodo od almeno non è matematico. Preferire strumenti che generano reddito in dividendi o cedole non è un limite, strumenti del genere vanno chiaramente detenuti in portafogli ed anche in elevate percentuali (chiaramente sempre in base ai propri obbiettivi e vincoli personali). Le fiat come sostieni hanno solo ed unicamente quello scopo dato che hanno perso la funzione di riserva di valore. Possedere altri asset in portafoglio, anche asset non produttivi (pensiamo all’oro, ed alle materie prime od anche al bitcoin) è utile per l’investitore perché è il sacro graal degli investimenti come sostiene Ray Dalio, più inserisci asset decorrelati in portafoglio fino ad un certo limite e più riesci ad abbassare il tuo rischio di portafoglio, a diminuire rischi id perdite, aumentare il tuo ritorno al rischio. Prova a dare un occhiata al portafoglio di ray dalio, o a tanti altri (eccetto Buffett). Bitcoin è decorrelato, con il mercato azionario se lo inserisci in portafoglio il tuo portafoglio sarà un portafoglio migliore. Non ha invece senzo fare la scommessa all in su bitcoin al 100%, dato che non è un asset produttivo, personalmente non andrei all in neanche sull’oro. Con Bitcoin cmq non si tratta di mantenere il proprio potere di acquisto ma di aumentarlo di molto. Bitcoin inoltre permette di portare della ricchezza al di fuori del nostro sistema finanziario, ricchezza che non può essere pignorata o pretesa da nessuno. Anche in questa ottica può aver senso possederne un pò

Alcuni affermano che BTC andrà a zero, è uno scenario possibile?

Si è certamente possibile, lo ritengo improbabile ma è del tutto possibile.

Prova a porti queste domande…Una valuta può andare a 0? certamente si in termini di potere di acquisto, pensiamo al bolivar, bolivar fuerte, e tantissime altre valute. C’è letteralmente un cimitero di valute fiat nel mondo. Nascono con una data di scadenza e prima o poi tutte ci lasciano. La valuta fiat più longeva è la sterlina inglese che sta reggendo da tanto tempo ma ha anche perso molto del suo valore quasi il 99% circa. Anche il dollaro dura da un pò ed ha già perso il 99% del suo potere di acquisto da quando si è insediata la fed.

un azione singola può azzerarsi? certamente si lo abbiamo visto succedere più e più volte. Le aziende anche se hanno bilanci sottostanti, possono fallire e se un azienda fallisce ed io sono investito in un unica azienda allora mi trovo rovinato perché quel titolo va a 0.

Il Gold anche potrebbe andare a 0 ma è molto improbabile il gold ha degli utilizzi (che non spiegano in tutto il suo prezzo è vero… ma ha degli utilizzi) ed è anche considerato da sempre riserva di valore… il gold non rischia un fallimento tecnico, può andare a 0 solo se viene cannibalizzato da altro, o solo se smettiamo di considerarlo una riserva di valore. Ma ripeto è molto difficile che vada a 0.

Anche Bitcoin ha i suoi utilizzi pensiamo alla possibilità di detenere e trasferire rappresentazioni digitali di valore in maniera pseudoanonima (può piacere o meno ma è un utilizzo) ed il fatto di rendere impossibile da parte di governi pretese su di esso (è sempre una funzione che può interessare a qualcuno) pensiamo anche al fatto che non sia inflazionabile come le fiat (è un altra funzione che interessa a qualcuno)… può certamente andare a 0 e rischia di andarci per un disinteressamento della massa o per un fallimento tecnico. Un fallimento tecnico potrebbe essere ad esempio, la rottura dell’algoritmo criptografico, un attacco del 51%.. e cosi via…

Altri analisti invece vedono un BTC a 100K entro il 2024 e addirittura raggiungere il valore di 1M nel 2028. Quali fondamentali ci sono dietro queste affermazioni?

Questi prezzi sono spesso dati da due modelli, o lo stock to flow di plan b, o le ricerche statistiche di thomas lee di fundstrat. Ad ogni modo quasi sempre si valuta bitcoin nel suo utilizzo come oro o come asset da investimento.

Per quanto riguarda lo stock to flow…

Sono calcoli matematici molto complessi..vi invito a leggere https://medium.com/@100trillionUSD/bitcoin-stock-to-flow-cross-asset-model-50d260feed12

Per quanto riguarda tom lee…

Per ogni miliardo inserito nel mercato cripto il marketcap sale di 25 miliardi.

Se i millennials mettono il 10% dei propri risparmi qui (100 miliardi)… il market cap aumenta di circa 2,5 triliardi all’anno.

Basta un anno per far arrivare il prezzo di 1BTC a 140,000$ (x14)

0.01
0.1
1
10
100
1000
10000
100000
1000000
10000000
2010
2012
2014
2016
1980
1999
2018
2036
1.0
11.0
21.0
31.0
41.0
51.0
...

I governi possono fermare BTC?

No i governi non possono fermare Bitcoin, ma possono senza dubbio rallentare la mass adoption. Potrebbero rallentarla andando a rendere illegali le piazze di scambio, i cosiddetti exchange centralizzati. Non possono invece chiudere quelli decentralizzati, ma ancora siamo agli albori li. I governi potrebbero anche rendere illegale il mining ma tutti i governi coopererebbero? i governi non possono inoltre neanche mandare in carcere tutti i possessori di bitcoin perché non è semplice capire se una persona possiede bitcoin o meno… una persona anche se schedata su exchange potrebbe dire di non avere più bitcoin.

I detrattori di BTC dicono che sia usato dai criminali, che mi dici su questo?

Dico che in realtà basta andare a vedere anche i dati ufficiali, il dollaro è il mezzo principale per compiere attività criminali. Tutti i nostri criminali anche europei utilizzano dollari o euro. Chiaramente avvengono crimini anche nel settore cripto e talvolta le criptovalute vengono utilizzate anche per finalità elusive o di riciclaggio da criminali esterni al mondo cripto, ma non è l’utilizzo principale. (poteva esserlo inizialmente, vedi il caso silk road) ma non è più cosi. Se una persona accusa Bitcoin di questo dovrebbe prima capire bene Bitcoin e poi farsi due domande sui soldi che possiede nel portafoglio, magari sono stati già utilizzati per tirare cocaina o chissà da dove vengono. Utilizzare Bitcoin per compiere traffici illeciti o reati non è la più grande genialata dato che la blockchain è un registro pubblico, in parte è come mandare un bonifico. Pagheresti 10kg di coca con un bonifico? probabilmente no :D.

In qualità di consulenze finanziario, quanto BTC consiglieresti d’inserire nel proprio PTF d’investimento? Dammi un range minimi e massimo per favore.

Da professionista consiglio massimo un 3-5% anche perché altrimenti tende a sbilanciare il portafoglio. Mentre se resta sotto il 3-5% offre benefici al portafoglio. Da amico ti direi invece di considerarlo una nuova asset class con proprietà simili all’oro o a growth stock e lo consiglierei anche fino al 10-20% del proprio portafoglio.

Quando prendere profitto su BTC?

Bella domanda ma dipende da molti fattori, tra cui quale è il tuo obiettivo. Se sei qui per fare uno short gain puoi vendere al primo +20%, se sei qui per altre ragioni la risposta è molto più difficile.

Ho cercato di dare la mia strategia di acquisto e vendita in questo corso

Il PAC è la migliore tecnica per investire in BTC?

Il pac senza dubbio funziona benissimo su asset molto volatili, come azioni e bitcoin.

conta però che se bitcoin va a 0 un pac sarà ad ogni modo fallimentare….

se bitcoin è destinato a salire in alto, il pac (se si riesce a sorreggere la volatilità ) non è la tecnica ottimale. Ne parlavo in questo articolo

il Pac è ottimo per chi non tollera bene la volatilità, dato che con il pac riesci a mitigarla ed è ottimo per chi non dispone di grandi fondi per investire… però ecco devi sperare che non vada a 0 o che non è destinato solo a salire…

Perché le banche sembrano odiare BTC?

In Italia, c’è l’idea che le banche non siano aziende, ma istituzioni quasi statali che fanno il bene del popolo e dei suoi clienti. In realtà le banche sono aziende a tutti gli effetti spesso anche quotate in borsa nei mercati regolamentati, spesso fanno i peggio crimini finanziari ai danni dei loro clienti, e sempre hanno azionisti dietro. Sono aziende che devono fare profitto per redistribuirlo in qualche modo agli azionisti o tramite dividendi o tramite apprezzamento del titolo.

Se da imprenditore, vedi una minaccia che può mettere fine alla tua esistenza cosa fai?

Alcuni cercano di combatterlo ed aggredirlo verbalmente, altri invece cercano di utilizzarlo a proprio favore finché possono vedi conto Hype di banca Sella.

Recentemente ROBERT KIYOSAKI ha dichiarato: “New York City è sull’orlo del FALLIMENTO, comprate BITCOIN!” Che mi dici a riguardo?

Si Kiyosaki è passato al Bitcoin, io adoro kiyosaki è colui che mi ha introdotto al mondo degli investimenti e della finanza personale per lo più.. E’ da tantissimo che chiama un crash del sistema, crash che però non è mai arrivato…E’ un bravo marketers ed un buon venditore, da amante del Bitcoin non vorrei che questo suo interessamento per Bitcoin sia dato dal cavalcare il trend per fare più vendite e discorsi ai seminari/eventi. Sono convinto che Kiyosaki ami l’oro, forse in parte riconosce una funzione simile all’oro in Bitcoin ma non vorrei che lo sta dicendo solo per creare hype e visibilità… Temo che Kiyosaki non ci creda realmente in Bitcoin.

BTC per coprirsi dall’inflazione, ha senso?

Attualmente Bitcoin ha sempre coperto dall’inflazione ma bada bene nel lungo periodo non nel breve periodo.

Anche l’oro se andassimo a parlare di hedge per l’inflazione ce ne sarebbe da dire, l’oro è una buona copertura per l’inflazione nel lungo periodo non nel breve. Nel breve può succedere di tutto.

Per coprirsi da inflazione nel breve periodo esistono ad esempio i tips, sono asset creati appositamente per coprirsi dall’inflazione.

Se Bitcoin continua la sua marcia o comunque se continua a stare a galla, riuscirà senza dubbio a coprire l’inflazione date le sue caratteristiche deflattive. Se Bitcoin va a 0, cosa che potrebbe succedere, chiaramente non coprirà dall’inflazione 😀

,
Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *