Febbraio 10, 2020 Filippo Angeloni

Investire in Blockchain con un ETF

Vorresti investire nel trend blockchain tramite un ETF dal tuo home banking?

Sei un imprenditore/investitore che vorrebbe investire nella creazione di VALORE? invece di sperare di trovare un’altra persona (più avanti nel tempo) disposta a comprare Bitcoin ad un prezzo più alto di quello che hai pagato te?

Ok allora questo articolo fa al caso tuo.

Perché oggi andremo a scoprire due ETF che permettono di replicare aziende (che creano valore) e lavorano nel settore Blockchain.

Se stai invece cercando un ETF che replichi il prezzo del Bitcoin, questo articolo non fa per te. In questo momento (quando scrivo l’articolo) non esistono ETF (o ETC?) che permettono di investire in Bitcoin.

Esistono dei ETN certo, te ne ho già parlato qua ma non è la stessa cosa. Non sono ETF.

Se hai dato un’occhiata ad altri website sempre in questa tematica avrai notato che tutti parlano di blockchain come scommessa, un atto di fede, non un investimento. Loro non sanno di cosa stanno parlando, (anche io in passato ero come loro, ma poi andando a fondo in questo settore sono cambiato… se mi segui su Youtube avrai notato che qualcosina la so su Bitcoin e Blockchain e posso dire la mia).

Per quanto mi riguarda la blockchain può essere un investimento (anche molto redditizio) ma ti farò notare a fine articolo anche delle criticità, sull’investimento in blockchain tramite ETF. (e bada bene sono un amante degli ETF, non tocco spazzatura che ti vendono in banca)

N.B. Ti parlerò solo di 2 ETF armonizzati (UCITS), che puoi trovare facilmente dal tuo home banking quotati nella borsa di Milano. Altrimenti in giro per il mondo ne possiamo trovare parecchi di ETF che coprono il settore Blockchain.

Questo ad esempio è un ottimo website per farti un idea.

  • Invesco Elwood Global Blockchain UCITS ETF A ISIN IE00BGBN6P67, Ticker BCHN
  • First Trust Indxx Innovative Transaction & Process UCITS ETF Class A Acc ISIN IE00BF5DXP42, Ticker BLOK

Entrambi gli ETF non possiedono alti volumi, ed entrambi non sono proprio economici per essere degli ETF.

Partiamo dal primo

Invesco Elwood Global Blockchain UCITS ETF A ISIN IE00BGBN6P67, Ticker BCHN

L’indice Elwood Blockchain Global Equity replica società globali di nazioni sviluppate ed emergenti che sono o faranno parte dell’ecosistema blockchain.

La dimensione del fondo è molto ridotta siamo a 37 milioni. Costa un 0.65% annuo che è tanto per un ETF.

E’ ad accumulo quindi i dividendi verranno reinvestiti in tale etf e non verranno quindi girati nel conto corrente dell’investitore.

Non ha una copertura valutaria, la valuta dell etf è USD, e la replica è fisica. La volatilità è alta ma non estrema.

E’ emesso (come si può dedurre dal nome) da Invesco.

Ha un track record molto limitato, e come puoi notare nel 2019 è andato bene tutto sommato. In un anno (quasi) ha realizzato circa un +20%. Non ha però brillato come Bitcoin.

Bitcoin ha offerto rendimenti lontani anni luce da questo, ETF. Chiaramente anche la volatilità però è diversa 😀

Vediamo ora le aziende ricomprese in questo ETF che replica il settore Blockchain.

Le aziende sono quasi tutte large cap blend (aziende a grande capitalizzazione, con un mix tra titoli value e growth). Anche se in realtà i titoli sono più tendenti al Growth (aziende che crescono velocemente e reinvestono gli utili piuttosto che darli in dividendi agli azionisti).

L’etf ricomprende aziende di tutto il mondo ma la maggior parte è negli stati uniti , Giappone ed Asia (sviluppata).

vediamo ora il secondo ETF

First Trust Indxx Innovative Transaction & Process UCITS ETF Class A Acc ISIN IE00BF5DXP42, Ticker BLOK

L’indice Indxx Blockchain replica la performance di società quotate in tutto il mondo che stanno attivamente utilizzando, investendo e sviluppando, o in alternativa hanno prodotti che ottengono benefici dalla tecnologia blockchain.

La dimensione del fondo è piccola, 33 milioni. Anche qui un 0.65% di costi annui (ripeto alti per un ETF). La replica è fisica. Non è Hedgiato e la valuta dell’ETF è USD.

E’ anche in questo caso ad accumulo per cui anche qui eventuali dividendi vanno reinvestiti automaticamente. la volatilità ad un anno è stata del 12.45%. Elevata ma non estrema. Emesso da First Trust.

ETF con un pochino in più di track record

In questo caso in 2 anni l’ETF ha realizzato un +30% circa.

Anche questo ETF investe su aziende in giro per il mondo, e tutte large cap Blend. Tra i primi 10 titoli ritroviamo molte aziende ricomprese anche nel precedente ETF.

Alcune criticità

Se mi conosci sai che sono un fedele amante delle criptovalute, mi permetto quindi di farti notare alcune criticità in questi ETF.

  • questi sono ETF monotematici, ed al momento temo sia ancora troppo presto per un vero ETF su Blockchain. Non ci sono ancora molte società che lavorano solo su Blockchain, gran parte delle società ricomprese in questi ETF sono mega aziende già operative da molti anni (non sono startup) che operano anche in altri progetti. AMD, Intel e Microsoft ti sembra che operino solo su Blockchain o il loro focus sia solo li? Non mi sembra personalmente. Proprio per questo le variazioni di prezzo di queste aziende e quindi anche dell’etf non dipendono troppo in realtà dal settore blockchain o da quello che succede ai prezzi delle criptovalute.
  • Investire in ETF monotematici va fatto con una piccola % di portafoglio, meglio se per patrimoni importanti. Ed alla fine dei giochi andare a ricercare piccole nicchie si tratta sempre di andare a ricercare le mode o di cercare di fare meglio del mercato
  • Chi compra questi ETF solitamente li compra per esporsi in Bitcoin, ed Ethereum ma in realtà abbiamo visto che i rendimenti ed i prezzi sono abbastanza “scorrelati” tra di loro. Chi compra questi ETF magari si aspetta un +100% in un anno ma non è cosi.
  • Purtroppo tra le società non ci sono Exchange importanti come Coinbase, kraken e Bitstamp
  • sono ETF con bassi volumi
  • Sono ETF che costicchiano per essere ETF.

Quando ha senso?

ha senso invece investire in blockchain tramite questi due ETF quando:

  • si ha un capitale importante, e si vuole coprire tale nicchia con un peso maggiore rispetto ad un ETF azionario world che comunque andrebbe a ricoprire i titoli quotati in questi 2 etf.
  • si vuole investire in blockchain con una volatilità molto minore (estremamente minore). Andando ad investire in grandi aziende che si occupano anche di altro.
  • si vuole investire in blockchain tramite asset produttivi (ossia le azioni). Asset che creino valore nel tempo
  • si è consapevoli che le performance sono scorrelate da bitcoin e solitamente molto molto minori rispetto all’investimento diretto in Bitcoin
,
Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Comments (2)

  1. Avatar
    Arnaldo

    Splendido articolo, grazie Filippo
    Cosa sai dei due ETP (o ETF mica ho capito bene) quotati sulla Borsa Svizzera da WisdomTree con codice WBTC (in euro ?) e BTCW (in USD ?)?
    Ciao

    • Filippo Angeloni
      Filippo Angeloni

      Non mi è ancora chiaro se sono ETN o ETC (della famiglia ETP quindi) cercherò di farci un articolo a riguardo 😉 però non sono quotati nella borsa di milano quindi difficilmente li trovi in home banking

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: