Ottobre 15, 2020 Filippo Angeloni

Fondo per emergenze: come, quanto e perché

La maggior parte degli esperti di finanza personale concorda: la prima cosa da fare, dopo aver soddisfatto i bisogni di base, è istituire un fondo per le emergenze.

Ossia crearsi una piccola zattera di salvataggio.

Test Arimar, 20 ore a bordo di una zattera di salvataggio



La vita è piena di sorprese inaspettate, molte delle quali costano denaro:

  • un ladro ti spacca il parabrezza della tua auto
  • tuo figlio si ammala
  • si rompe una tubatura del bagno
  • il frigo non fredda più
  • ecc…ecc…

Quando le persone vivono stipendio per stipendio sono in balia di questi piccoli imprevisti.

A volte un piccolo problema può diventare enorme se non siamo abbastanza preparati

Ed è per questo che il fondo per le emergenze è importante.

Quanto mettere da parte nel fondo per le emergenze

Sebbene gli esperti di finanza personale concordino sulla necessità di fondi di emergenza, non c’è consenso su quanto sia sufficiente mettere da parte nel fondo. Alcuni consigli:

– nel libro “The Wealthy Barber“, David Chilton sostiene che è meglio avere un’assicurazione adeguata per coprire le grandi emergenze… ed è bene mettere da parte tra 2000 $ e 3000 $ per coprire piccoli imprevisti e le cose/situazioni non coperte dall’assicurazione.

– In “The Six-Day Financial Makeover“, Robert Pagliarini scrive: “Il tuo fondo per le emergenze è il tuo cuscinetto finanziario nel caso in cui qualcosa vada storto e perdi il lavoro o hai bisogno di accedere rapidamente al denaro. Il tuo fondo per le emergenze dovrebbe consistere in almeno tre mesi dei tuoi costi fissi od almeno in 3 mensilità. Una volta che hai risparmiato abbastanza per il cuscinetto, puoi passare verso altri obiettivi “.

– in “You Don’t Have To Be Rich“, Jean Chatzky consiglia di mettere da parte una somma equivalente tra i tre e i sei mesi di spese.

– In “Your Money or Your Life“, Joe Dominguez e Vicki Robin consigliano sei mesi di spese, ma solo una volta raggiunta l’indipendenza finanziaria. Prima di ciò, vogliono che tu metta i tuoi soldi nella riduzione del debito e nella costruzione di ricchezza.

– in “The Total Money Makeover“, Dave Ramsey consiglia un approccio in due fasi. Innanzitutto, prima di ogni altra cosa, metti da parte 1000 $ per coprire le emergenze. Quindi, una volta estinto il debito, aumenta il tuo fondo di emergenza per coprire 3-6 mesi di spese.

Il mio consiglio è di fare ciò che funziona per te.

Inizia in piccolo.

Se al momento non disponi di un fondo per le emergenze, allora qualsiasi somma è meglio di niente.

Inizia subito a crearti un fondo per le emergenze!

Come creare un fondo di emergenza – Vivere Di Rendita

Metti da parte 500 euro. Oppure 100. Nel tempo, lavora per costruire questo cuscinetto finché non avrai 1000-5000 euro a portata di mano in caso di emergenza.

In definitiva, dormirai meglio se hai dai parte una somma equivalente tra i 6 e i 12 mesi di spese.

Credimi è un conforto sapere che se dovessi perdere il lavoro non ti troverai in mezzo ad una strada.

Quindi il mio consiglio è di avere in liquidità nel c/c, almeno 6-12 mensilità che consentono di far sopravvivere te e la tua famiglia in caso di emergenza.

Come costituire il fondo per le emergenze

Avviare un fondo di emergenza non è assolutamente difficile. Chiunque può farlo. Ecco come:

scegli una banca.
inizia a depositarci una somma che sarà il tuo punto di partenza come cuscinetto. Se sei ancora indebitato, probabilmente è meglio non investire molto nei risparmi. Dovresti mettere da parte 500-1000 euro per affrontare le emergenze fastidiose come un’auto che si rompe, ma il resto dei tuoi soldi dovrebbe essere destinato a ripagare il debito.
resisti alle tentazioni. Quando si ha una discreta somma di denaro in banca inutilizzata, si può essere tentati di usarla per altre cose. Resisti all’impulso. Usa il tuo fondo di emergenza solo per le emergenze, altrimenti ne annulli lo scopo.
risparmia di più. Man mano che il tuo debito diminuisce e man mano che ottieni un migliore controllo delle tue finanze, crea il tuo fondo di emergenza. Scegli un numero che ti aiuti a dormire la notte. Per me, quel numero era di 10.000 euro un tempo. All’epoca mi erano sembrati un sacco di soldi. E se fosse successo qualcosa di disastroso, quei 10.000€ mi avrebbero aiutato a sopravvivere per molto tempo.

Infine, è saggio tenere i soldi per le emergenze in un posto a cui non è troppo facile accedere. (Ignora questo consiglio se sai di essere abbastanza disciplinato da non usare il denaro per altri scopi.)

Potresti, ad esempio, aprire un conto presso una banca dall’altra parte della città. Oppure depositare i soldi presso una banca online.

Non portare con te una carta di debito/credito legata al tuo fondo di emergenza. Avrai ancora accesso al denaro quando ne avrai bisogno, ma sarai costretto a considerare le tue azioni prima di effettuare un prelievo.

Quando è ok utilizzare il tuo fondo per le emergenze?

Ma cos’è un’emergenza? Questa è una domanda interessante e su cui ho pensato molto ultimamente. Come decidi cosa è e cosa non è un’emergenza?

A volte le risposte sono facili, ovviamente.

Una vacanza ai Caraibi non è un’emergenza e non dovrebbe essere finanziata dal tuo fondo di emergenza. Le ostriche e lo champagne non sono un’emergenza, e nemmeno una nuova console per videogiochi.

D’altra parte, se la tua unica automobile diventa inutilizzabile, l’acquisto di un nuovo mezzo di trasporto per andare a lavoro è un’emergenza. O se tuo figlio si rompe una gamba, le sue spese mediche sono un’emergenza.

Ma per quanto riguarda tutte le cose in mezzo? E se il tuo computer si rompe? È un’emergenza? O dovresti semplicemente andare all’Internet caffè? E se la lavastoviglie non funziona più? Dovresti farla riparare o lavare i piatti a mano per un po’ di tempo?

In definitiva, penso che la chiave sia decidere da soli per cosa possono essere utilizzati i fondi di emergenza e cosa no. Ma una volta presa questa decisione, attieniti ad essa.

Per esperienza, so che a volte può essere doloroso vedere una grande riserva di denaro inutilizzata per mesi (o anni) di seguito. Ma anche per esperienza, so che quando si verifica un evento inaspettato, un fondo di emergenza è indispensabile per prevenire il disastro finanziario.

Gli studi dimostrano che coloro che non hanno risparmi di emergenza hanno maggiori probabilità di accumulare debiti. Il tuo fondo di emergenza funge da auto-assicurazione, proteggendoti da piccoli eventi spiacevoli.

Se hai una riserva-cuscinetto, i tuoi piani finanziari non possono essere deragliati da un singolo evento inaspettato, a meno che non sia enorme. Per coprirsi dal rischio di eventi enormi servono le assicurazioni.

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, imprenditore e consulente finanziario certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza da consulente finanziario sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.000.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *