Aprile 2, 2020 Filippo Angeloni

REPO, cosa sono esattamente?

Il REPO è un contratto (repurchase agreement) attraverso il quale due controparti si accordano per effettuare due operazioni in senso contrario di acquisto e di vendita a pronti e a termine, a prezzi prestabiliti.

Difficile da capire cosi vero?

  1. una banca a corto di liquidità, presta un titolo (vende) alla banca centrale (compra il titolo) che in cambio gli fornisce liquidità a basso costo (perche vi è la garanzia di un titolo dietro)
  2. nello stesso momento si accordano per un riacquisto futuro ad un prezzo determinato (capitale prestato x tasso repo x numero giorni del prestito /360) e ad una data determinata (ossia la banca si ricompra il titolo dalla banca centrale che gle lo vende)

A schematic of an example of a repo transaction. Source ...

Serve alle banche rimaste a corto di liquidità, in questo modo la banca ricevere liquidità istantanea (a basso costo perché vi è un prestito di titolo come garanzia). Grazie a questa iniezione di liquidità istantanea i tassi di interesse non salgono troppo. Nel senso la banca potrebbe anche ottenere liquidità da altre banche e non da banche centrali, ma in questo modo il tasso non sarebbe basso come quello del repo.

Quindi la banca vende un titolo alla banca centrale in cambio di liquidità istantanea, subito però si accorda per un successivo riacquisto ad una determinata data e ad un determinato prezzo.

Nella sostanza si tratta di un prestito collateralizzato, ossia garantito dalla presenza di un titolo. La differenza tra il prezzo di vendita del titolo ed il prezzo di riacquisto costituisce il costo del prestito, tale differenza, rapportata al prezzo di vendita, determina il tasso REPO. La durata di questi contratti può essere inferiore al giorno (Overnight) o superiore alle 24 ore (Term).

In realtà il prestito del titolo non comporta uno smobilizzo del titolo. il titolo resta in possesso alla banca che richiede liquidità solitamente.

Prezzo di vendita e prezzo di riacquisto risentono ovviamente della qualità del titolo utilizzato come collaterale. Per questo motivo un peggioramento del merito di credito del titolo sottostante determina un aumento del tasso REPO e quindi rende più costoso il finanziamento della liquidità.

I tassi di interesse di riferimento sono la base per definire i tassi REPO, questi saranno inferiori ai tassi ufficiali di riferimento per la presenza, come detto, di una garanzia (il titolo scambiato).

le banche centrali sfruttano i REPO, specialmente per influenzare il mercato dei tassi a breve termine. Se la banca centrale vuole aumentare i tassi deve ridurre la liquidità del sistema e lo può fare vendendo titoli ed incamerando liquidità. Viceversa se desidera abbassare i tassi di interesse può acquistare titoli immettendo liquidità nel sistema.

Scopri le politiche monetarie non convenzionali delle banche centrali

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento