Aprile 30, 2020 Filippo Angeloni

Halving Bitcoin, ci siamo quasi, aggiornamento doveroso.

Il 5 settembre 2019 ho fatto uscire questo video. Ed è un video che è andato particolarmente bene per i canoni del mio canale.

Per capire a fondo questo articolo ti consiglio la visione dello stesso.

A breve (puoi controllare qua) https://www.bitcoinblockhalf.com/ avverrà l’halving di Bitcoin.

Che cos’è l’halving?

L’halving è un evento programmato in Bitcoin ed è il dimezzamento delle ricompense a blocco che vengono date ai miners per “verificare le transazioni mediante la propria potenza di calcolo”.

Ogni 210.000 blocchi questa ricompensa si dimezza e al prossimo halving si arriverà ad una ricompensa di 6.25 bitcoin per ogni blocco.

Perché esiste l’halving?

Bitcoin è stato creato come una valuta deflattiva. Come per l’oro la premessa è che nel tempo la creazione di nuovi bitcoin andrà a decrescere e quindi lo stesso diventerà sempre più scarso, sempre più raro nel corso del tempo.

Nel momento che Bitcoin diventa un bene sempre più scarso e se la domanda dello stesso aumenta nel tempo, allora Bitcoin si potrà utilizzare come un asset per proteggersi dall’inflazione.

Secondo alcuni come Ray Dalio siamo a rischio Inflazione, e siamo più che altro a rischio di un crollo delle valute fiat. Ti consiglio infatti di leggerti il paper di Ray Dalio che trovi nel suo profilo linkedin oppure di guardarti il video di Tiziano tridico dove lui stesso va a sintetizzare tutto il paper.

Siamo in una situazione molto complessa e le valute fiat continuano ad essere create dal nulla, iniettate nel sistema, aumentando il loro tetto massimo e questo rischia di far diminuire il loro potere di acquisto.

In realtà l’inflazione è molto più complessa di cosi, ne ho già parlato in vari video e in articoli sul mio blog, quindi non mi ripeterò qui.

Bitcoin comunque a differenza delle valute fiat ha un piano controllato e programmato per la sua supply.

Quindi sappiamo già in precedenza:

  • quale sarà la sua inflazione in uno specifico periodo temporale
  • quanti bitcoin ci saranno in circolazione
  • e quanti bitcoin rimangono da minare
bitcoin inflation chart

Nel video sulla teoria dell’halving ipotizzavo un bitcoin a 10.000$ alla data dell’halving.

Ultimamente sembra che ci stiamo davvero avvicinando ai 10.000$

Avevo ipotizzato anche che Bitcoin mantenesse una spinta del 30% rispetto alla spinta data dall’Halving precedente.

Con una spinta del 30% rispetto a quella precedente e con un prezzo di 10.000$, Bitcoin potrebbe arrivare facilmente a 100.000$.

Avevo anche detto che storicamente alla data dell’halving Bitcoin è sempre stato superiore alla metà del picco precedente.

Quindi in quel video dissi che Bitcoin poteva pure partire da 15-16k e non da 10k.

Con un prezzo di 15k ed una spinta del 30% rispetto alla spinta precedente Bitcoin potrebbe arrivare facilmente a 150.000$.

Nel video al minuto 09:08 dicevo che la fase precedente all’halving poteva essere molto volatile, e non credevo che avremmo superato li i 20.000$ ossia il picco precedente

Nel minuto 09:38 sottolineo che ci sono tantissime variabili da tenere in considerazione “magari una recessione globale che può far saltare la teoria dell’halving” (intendevo sia a ribasso che a rialzo).

Dissi anche che sarei andato ad accumulare prima della data dell’halving.

E’ convenuto? sembra di si data la volatilità e il trend a ribasso che aveva imboccato bitcoin. Una strategia di pac o di dca conviene se il mercato parte a ribasso e poi risale.

Ora siamo davvero in una situazione difficile perché sono intervenuti fattori esterni, c’è di mezzo il coronavirus, una probabile recessione, debiti allucinanti, un crollo delle fiat, e quindi la teoria dell’halving potrebbe anche saltare.

Quello che credo io personalmente è che ci sarà moltissima volatilità sia a ribasso che a rialzo.

Non mi aspetto che alla data dell’halving si parte a razzo come nulle fosse, anche se me lo auguro personalmente.

credo che come per i precedenti halving ci vorrà un pò per partire ma poi si partirà.

Credo anche che non questo ma il prossimo halving sarà fondamentale in quanto con il prossimo halving bitcoin diventerà davvero l’asset più scarso al mondo, o meglio l’asset con il più elevato stock to flow ratio.

Quindi il mio consiglio è quello di viversi questo evento per quello che è, è un dimezzamento delle ricompense per i miners e quindi ci saranno meno nuovi bitcoin.

Con il tempo sono sicuro che questo porterà a rendere sempre più scarso e raro il Bitcoin.

Già in qualche modo è scarso, anche solo comprarsi 5 Bitcoin non è cosi facile. Nei precedenti halving magari 5 bitcoin li compravi facilmente, ora no non tutti se li possono permettere. E questo credo sarà una tendenza anche per il futuro, magari in futuro sarà difficile comprarsi anche solo 0.5 bitcoin.

Perchè l’halving facilita molto questa tendenza, è chiaro è importante anche la domanda. Però capisci bene che questo evento aiuta chiaramente a rendere scarso bitcoin. Con questo halving bitcoin si porterà ad uno stock to flow vicino a quello dell’oro con il prossimo invece doppierà l’oro.

Quindi se si vuole arrivare a possedere 1 Bitcoin, magari non è il caso di aspettare fino al prossimo halving.

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *