Ottobre 19, 2020 Filippo Angeloni

Certificates cash collect memory su FTSE MIB per recuperare minusvalenze (buon rischio/rendimento)

Oggi voglio parlarti di un certificato a capitale condizionatamente protetto, ossia a scadenza il capitale è protetto a patto che non si verifichi l’evento barriera.

Questo a mio avviso è un buon certificato, a rischio relativamente contenuto, per cercare di recuperare minusvalenze NON proprio prossime alla scadenza, ma minusvalenze che ancora hanno anni per essere recuperate.

DE000VE859Q5

I certificati infatti sono uno strumento finanziario efficiente a livello fiscale, in quanto sia le cedole che relativi capital gain sono redditi diversi e quindi consentono di recuperare minusvalenze magari di ETF o fondi a gestione attiva.

In realtà per recuperare minusvalenze è bene aggiungere fin da subito al portafoglio, titoli singoli destinati a salire nel tempo che in realtà sono fondi, ETC su Gold, e magari anche Bitcoin (con Bitcoin ti ripaghi le minusvalenze a vita se dici, se sei entrato come me nel 2017. Ma la compensazione, in quest’ultimo caso non è semplice ed automatica come per i certificati).

Ma effettivamente anche i certificati possono venire in nostro aiuto.

I certificati sono uno strumento finanziario complesso, e faresti bene a studiarli prima di metterci anche un singolo euro sopra. Il mio non vuole essere un consiglio di investimento.

Ma voglio solo parlarti di questo certificato che secondo me presenta un buon rischio/rendimento.

Già che ci siamo capiremo anche come funziona un cash collect memory, grazie a questo case study

Tipologia: Cash collect memory (cash collect vuol dire che paga una cedola periodica…. memory vuol dire che cedole non pagate perché sotto trigger alle date di rilevazione vengono pagate quando si ri-supera il trigger ad una nuova data di rilevazione. Le cedole quindi non pagate vengono accantonate e pagate più avanti se si supera il trigger)

Emittente: Vontobel (rating A3) Qualità superiore alla media, rischio d’insolvenza basso

Sottostante: FTSE MIB (E’ quindi un indice, difficile si azzeri totalmente)

Certificato emesso nella parte molto volatile della fase coronavirus (minimo crollo di marzo)

Quindi ha uno strike basso ed una barriera profonda. Barriera molto valida a mio avviso, abbiamo avuto la fortuna che hanno creato questo certificato nel momento di maggior calo per il FTSE MIB.

La cedola è elevata per essere un certificato con sottostante un indice e con una barriera così profonda. Per chi opera in certificati probabilmente questa cedola è bassa ma si deve tener conto anche dei rischi, qui stiamo parlando di una barriera a 9000 circa per il FTSE MIB, non dico che non sia possibile (può succedere tutto in finanza) ma è improbabile.

La barriera è discreta (chiamata anche europea) attiva solo a scadenza. Quindi anche se il prezzo di ftse mib scendesse sotto la barriera, l’importante è che sia sopra a scadenza.

La barriera è profonda, distante dallo strike del 50%.

Cedole e capital gain eventuali sono redditi diversi quindi possono essere utilizzati entrambi per recuperare minusvalenze.

Scadenza del certificato (se non viene richiamato prima) 11/03/2025.

La cedola è annuale ed è del 3.94%, può sembrare bassa ma ripeto è su un indice con barriera discreta e profonda. Questo certificato inoltre può anche essere richiamato in anticipo. Quindi sarebbe circa un 4% da qui a marzo 2021 se dovesse essere richiamato. Se resta quotato si prende la cedola e si lascia in vita per un altro anno.

Strike 18.202,50

barriera capitale e cedole 9.101,25

Siamo sopra strike, quindi se fossimo a data di rilevazione l’emittente rimborsa il certificato più la cedola.

11/03/2021 scenari possibili

Prezzo ftse mib uguale o > strike –> il certificato viene rimborsato, rimborsa 100 e paga la cedola.

prezzo ftse mib < strike ma maggiore della barriera –> il certificato continua ad esistere, non viene richiamato ma paga la cedola e si va alla data di rilevazione successiva

prezzo < della barriera –> non si percepisce la cedola, e si va alla successiva data di rilevazione. La cedola è a memoria quindi non viene persa del tutto.

Nelle date di rilevazione future, se siamo sopra alla barriera ci viene data cedola attuale più quelle passata. Se siamo sopra strike il certificato viene rimborsato.

11/03/2025 scenari possibili

Se il certificato non viene mai richiamato si arriva qui.

si deve guardare la barriera.

Se siamo sopra la barriera, il certificato mantiene la protezione, rimborsa 100 + cedola

se siamo sotto la barriera o a livello barriera, il certificato rimborsa la performance negativa del sottostante. (si perdono soldi)

la formula da utilizzare per calcolare il rimborso in questo caso è questa.

(Prezzo finale del sottostante / strike) x 100. Difficile cmq che si azzeri il capitale… a meno che salti l’emittente.

,
Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento