Ottobre 28, 2020 Filippo Angeloni

Bitcoin non può più andare a 0 ti spiego perché

Bitcoin ora come ora non credo possa andare a zero.

Lo so… tempo fa ho detto che bitcoin correva ancora il rischio di un azzeramento anche se lo davo per improbabile…

MA…

adesso ci sono stati dei cambiamenti, che ora ti dirò… non credo sia più possibile un azzeramento per bitcoin… cerchiamo di ragionare insieme…

Intanto

1) Bitcoin è stato in un certo modo valorizzato a 10.000$ (11k in realtà) dall’ingresso di Microstrategy.

Si sono comprati 38.250 BTC con 425.000.000 USD. (senza neanche influenzare di molto il prezzo cosa interessante)

Quindi hanno BTC in bilancio per un prezzo medio di 11.111 USD circa

Microstrategy non è un compratore qualsiasi… è un’azienda quotata nei mercati americani, che ha deciso di detenere parte della sua liquidità in Bitcoin e non in dollari.

Una decisione importante.

E’ chiaramente un’azienda… per loro non è importante se tra 3 mesi BTC arriva a 8.000 USD, hanno una visione di lungo periodo…

MA

hanno in un certo modo valorizzato (così come avviene in public & private equity) Bitcoin a 11.000 USD grazie al loro importante acquisto.

Tra l’altro hanno fatto più profitto per ora con bitcoin che in tre anni di gestione operativa

Immagine

2) Grayscale continua ad acquistare BTC come non ci fosse un domani

17.100 BTC negli ultimi 7 giorni

Anche Grayscale con i suoi acquisti valorizza in qualche modo BTC ad un determinato prezzo.

E sempre più aziende iniziano a detenere parte della liquidità in bilancio in Bitcoin, ogni settimana si aggiunge qualche azienda a questa tabella.

Dominano senza dubbio grayscale, block one e microstrategy, ma è il trend ad essere interessante.

Anche micro imprese o piccole aziende in giro per il mondo iniziano a fare lo stesso chiaramente con cifre molto più ridotte.

3) La FED, ha affermato tempo fa che non rialzerà i tassi a breve, e lascerà correre l’inflazione se necessario.

Se vi è inflazione e se i tassi rimangono bassi o scendono ancora, Bitcoin ha molto spazio per crescere.

Vi saranno inoltre nuovi trasferimenti di soldi in mano ai cittadini. (chissà dove andranno a finire 😀 ) 

4) Anche la BCE, si è accodata alle decisioni della FED, o almeno ha aperto ad una determinata possibilità.

E’ molto probabile che a seguire anche altre banche centrali prenderanno decisioni simili.

Ripeto l’inflazione e tassi bassi sono buona cosa per Bitcoin.

5) Paypal, il colosso dei pagamenti darà la possibilità di comprare vendere e detenere le maggiori cripto a tutti i suoi clienti iniziando dall’america. Paypal è un colosso non è un aziendina qualsiasi, anche questa è una notizia incredibile. E’ difficile che se bitcoin viene aggiunto a paypal questo fallisca. E si vociferà già di un acquisizione stratosferica di bitgo, un azienda di sicurezza che opera da molto nel mondo cripto.

6) Ci sono sempre più acquisizioni in questo settore. Anche per questo ritengo sia difficile un azzeramento di bitcoin e di questo mondo. Binance si è comprata coinmarketcap a cifre astronomiche e tanto altro… quando avvengono fusioni ed acquisizioni è difficile che un settore vada a morire è molto improbabile.

Fammi sapere cosa ne pensi, ma per questi motivi credo che ora bitcoin non possa più andare a 0.

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento