Gennaio 14, 2020 Filippo Angeloni

2 ETF stessa valuta ma uno ha la copertura valutaria e l’altro no… come mai?

Un mio fedele utente mi ha posto una bella domanda… scontata per me ma che non lo è per chi non lavora nel settore.

Ecco il testo della mail..

“Ciao filippo, scusa se ti disturbo, sono un tuo fedelissimo “followers” di youtube, stavo dando un occhiata a diversi etf utilizzando just etf, la piattaforma che usi spesso nei tuoi video, ma mi è sorto un dubbio: stavo cercando un etf su s&p500, lo cercavo in euro in modo da non essere esposto a rischi valutari, in particolare ne ho trovati due di amundi: non ho capito bene perchè in questo etf   da come valuta di riferimento l’euro, c’è scritto che ha copertura valutaria ed ha avuto come rendimento ad un anno il 24%mentre, in quest’altro da come valuta l’euro però c’è scritto che non è coperto ed ha avuto un rendimento annuo del 32% spero mi possa aiutare, ti seguo sempre con interesse.

il caso è questo… ci sono due etf sul S&P, entrambi in valuta Euro, ma uno è coperto (hedgiato in euro) l’altro no, e presentano diversi ritorni annuali.

Il primo (immagini seguenti) è quello con copertura valutaria in euro. rendimento nel 2019..27.12%

il secondo non ha invece la copertura valutaria in euro, il rendimento è maggiore 33% circa.

Qualcuno di voi si starà chiedendo… come mai?

Allora intanto avere una copertura valutaria (hedge) costa.. se confrontiamo i costi dei due etf uno (quello con la copertura) ha un TER (costo annuo) del 0.28% (ammetto che non è nemmeno molto, costa molto di più solitamente) e l altro (quello che non ha la copertura) del 0.15%. Questa è già una prima differenza che però non giustifica una differenza di rendimento nel 2019 cosi elevata tra i due etf.

Allora cosa causa questo gap tra rendimenti?

avere la valuta dell’ETF in Euro, non è la stessa cosa di replicare un indice di per se quotato in dollari.

lo S&P è infatti un indice di borsa americano che comprende diverse aziende, tutte queste aziende lavorano con dollari americani e incassano dollari americani. E l’indice di borsa che va a replicare questo ETF è chiaramente espresso in dollari americani non in euro.

Quindi una cosa è valuta dell indice e un altra è valuta dell ETF (le quote che puoi acquistare dell’ETF sono espresse in Euro in questo caso).

Come mai quindi vi è stata questa disparità tra i rendimenti? è semplice avere una copertura in euro non si è rivelata essere (almeno nel 2019) una buona strategia, perchè il dollaro si è apprezzato nei confronti dell’euro.

Questo guadagno nel rapporto di cambio ha dato uno sprint in più nei rendimenti dell etf. (anche un tasso di cambio può aumentare o diminuire i rendimenti)

Quindi se ti sei andato a coprire in euro hai perso terreno verso chi ha investito in dollari (senza una copertura…come si può evincere dall’immagine seguente)

Filippo Angeloni

Filippo Angeloni è investitore, ed imprenditore. Ceo di Filippoangeloni.com e co-fondatore di Koinsquare. E' abilitato alla consulenza finanziaria, certificato OCF (iscritto nell’apposito albo). Possiede un master di I° livello in internazionalizzazione d’impresa e una laurea specialistica ottenuta con il massimo dei voti in Business Administration (università di Bologna – sede Forlì) Da sempre appassionato di finanza personale, crescita personale ed innovazioni dirompenti. Ogni settimana condivide la sua esperienza sul canale YouTube “Filippo Angeloni”, che con oltre 1.600.000 di visualizzazioni, è tra i canali di Finanza Personale più seguiti in Italia.

Lascia un commento